giovedì 2 agosto 2012

colpi d'ala (che mancano)

esco di casa, la mattina per andare in ufficio, giusto in orario per sentire il gr regionale su radio1, al cui termine cui segue immediatamente il gr2 nazionale, ovviamente su radio2. ma siccome le notizie nazionali, tutto sommato, sono le stesse che ascolto da rainews24, mentre faccio colazione, da qualche giorno alla fine del gr regionale commuto l'autoradio su "cd" e ascolto un po' di buona musica. anche perché le notizie in genere son deprimenti, e una dose giornaliera mi basta e mi avanza.
e da stamattina ho deciso che anche delle notizie regionali potevo fare serenamente a meno, con tutte le storie di fabbriche che chiudono, aziende che non pagano gli stipendi, boschi che bruciano, eccetera. e quindi son partito con l'autoradio a palla:


ora, non che i pink floyd siano esattamente un'iniezione di buon umore. per restare nell'esempio:

Hey you! out there in the cold
Getting lonely, getting old, can you feel me
Hey you! Standing in the aisles
With itchy feet and fading smiles, can you feel me 

però i due versi finali restituiscono un po' di speranza (sicuramente più di quella che pretende vendola col suo polo di lourdes):

Hey you! don't tell me there's no hope at all
Together we stand, divided we fall.
ed è tutta qui la differenza tra lamentarsi sterilmente, o fare odiose captationes benevolentiae, e fare qualcosa di costruttivo: condividere il proprio disagio in maniera da sentirsi meno soli e riacquistare così la speranza: se non sono solo a sentire questo disagio, può darsi che qualcuno nelle mie stesse condizioni abbia un'idea brillante per venirne fuori, o magari ha già trovato una soluzione che io ignoro - ma comunque è evidente che è solo lavorando insieme che se ne viene fuori.

e infine, c'è chi riesce a trasformare il disagio in arte, attraverso la catarsi del proprio malessere interiore. e anche quello è un buon modo di sentirsi un po' meno soli. ma solo un po'.

ecco: finché in italia non vedrò qualcuno che preferisce agire collettivamente, piuttosto che toglierselo dal culo solo per metterlo in quello del vicino, io preferisco consolarmi con l'arte.

3 commenti:

  1. http://www.youtube.com/watch?v=QfswLV_BAaI

    RispondiElimina
  2. Amo molto questo brano, il cui testo veste benissimo i nostri tempi bui, i tempi bui del Tempo della Storia, dandoci conforto.
    Stiamo uniti, sì, e, intanto, ubriachiamoci di Bellezza.:)

    RispondiElimina
  3. http://chirb.it/pKdkvp buon ascolto

    RispondiElimina

Commenti chiusi.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.