martedì 16 giugno 2009

paris gagné


parigi è rimasta lì dove l'avevo lasciata dodici anni fa, e anche stavolta sono rimasto fuori dal museo d'orsay. si vede che è destino che io ci debba tornare.

bene il resto, anche se l'hotel aveva una delle cartine turistiche peggio fatte della storia ed io ho perso gli occhiali da vista. il prodotto di questi due fattori è stato un continuo annaspare per capire che cazzo di linea del metrò prendere, ma soprattutto ndo' cazzo sto e ndo' cazzo devo anda'. per finire coi cazzi, sotto l'arc de triomphe mi hanno detto che c'era fabio fazio, ma io ero distratto e non ho visto un cazio. d'altra parte non ho visto nemmeno sarkò o carlà. però ho visto la signorina qui sopra ritratta, che di sicuro merita una menzione. o una minzione, scegliete voi. stava in fila al virgin megastore all'avenue des champs elysées.

bene anche i parigini, se parlate tre parole della loro lingua, anche in modo stentato, son molto meno spocchiosi di quel che sono di solito.

curiosità: non ho visto nemmeno un delinquente extracomunitario. forse s'erano confusi in mezzo alla folla di ogni colore, ma è difficile dire, perché parlavano tutti francese. per contro, non c'era nemmeno un nazista fare la ronda.

e poi, come se non ci fossero già abbastanza motivi per aver voglia di non tornare, ci si mette anche la solita famigliola italiana e rumorosa, sul trenino della rer per l'aeroporto, che non s'accorge nemmeno che tutto il vagone li sta guardando con riprovazione. e no, non erano nemmeno meridionali. e nemmeno del centro italia, tiè.

10 commenti:

  1. ma eri di cattivo umore, per c a s o? comunque, se ti può consolare (ma temo di no) io ho annaspato per capire che cazzo di linea del metrò prendere nonostante gli occhiali li avessi ben saldi sul naso. quella fanciulla nella foto non sono io...e quasi quasi mi dispiace... :-)

    RispondiElimina
  2. cattivo umore? naa. dovresti vedermi quando lo sono davvero. sulla fanciulla taccio. o meglio dico che mi è sempre sfuggito il confine tra il desiderio di testimoniare un modo di essere ed il puro esibizionismo.

    RispondiElimina
  3. nota per i più puri di cuore: non so per quale astruso motivo, per poter postare il commento, anche a me - seppur loggato - google ha chiesto di trascrivere le letterine storte nell'apposito riquadrino. aggiungo per dovere di cronaca che le letterine in questione formavano la parola holecul

    RispondiElimina
  4. di cuore sono purissima, ma non tanto da riuscire a soffocare un anelito di mal celata soddisfazione per la costrizione googleana impòstati all'ambivalente digitazione...('azzo scrivo?...in compenso, però, ho una morigerata mise)

    RispondiElimina
  5. e nemmeno volevi che la fotografassi, roba che ci hai tirato fuori un post, come avresti fatto senza? :)

    RispondiElimina
  6. Io a Parigi non ci sono mai stato...

    Grazie mille per il commento, CIAO!!! :-D

    RispondiElimina
  7. lario, non è importante. più importante sarebbe andare a rennes-le-chateau.

    RispondiElimina
  8. Grazie per il commento :-D
    CIAO!!!

    RispondiElimina
  9. Ah-ah-ah... il "Vegetale terrestre" è stupenda :-D
    Grazie per il commento, CIAO!!! :-D

    RispondiElimina
  10. Anche io vogli fare mille punti ;-)

    Grazie mille per il commento, CIAO!!! :-D

    RispondiElimina

Commenti chiusi.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.